lunedì, novembre 16, 2015

le papere di Prato



chissà se i due germani di questa foto si rendono conto di quanto sono andati vicini a essere l'  "anatra laccata" di un ristorante cinese di Prato e zone limitrofe










PRATO. Un macello clandestino è stato scoperto dalla guardia di finanza di Prato all'interno di un appartamento di via Filzi. Entrati per un controllo, invece di trovare locali arredati con tavoli, sedie, letti e divani si sono trovati di fronte stanze piene di papere, polli, oche e galline, in parte già passate a miglior vita ed in parte ancora vive e starnazzanti. In pratica un locale adibito a macellazione clandestina, come non se ne trovano più nemmeno nella campagne più disperse: in barba ad ogni normativa igienico sanitaria, di sicurezza, penale ed amministrativa, una famiglia di cittadini di origine cinese condivideva locali, letto, bagno e cucina con i volatili che spennavano e macellavano su ordinazione del cliente di turno.industriale del Macrolotto. Gli alimenti non erano conservati in una cella frigorifera

Evidente fin da subito agli occhi increduli dei finanzieri la gestione assolutamente abusiva ed irregolare dell’attività per la quale hanno subito richiesto l’intervento di personale dell’Asl di Prato insieme al quale hanno dovuto classificare e conteggiare gli animali ancora vivi, poi risultati essere pari a 269 volatili di varie specie. Tutto il locale e l’attrezzatura necessaria all’allevamento ed alla macellazione, ovvero gabbie, mannaie, forbici ed un macchinario utilizzato per ripulire le carni dal piumaggio, nonché bacinelle contenenti scarti di animali, è stato sottoposto a sequestro mentre i due cittadini di origini cinesi che gestivano l’attività abusiva sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per avere avviato una macellazione clandestina di carni immettendole in commercio senza assolvere ai prescritti controlli sanitari così da non garantire le condizioni di igiene degli alimenti prodotti con gravi rischi per la salute pubblica, nonché per avere mantenuto all´interno del laboratorio pollame vivo privo di certificazione medico-veterinaria che ne attestasse la provenienza in violazione alla normativa sulla macellazione delle carni.
I finanzieri, insieme al personale specializzato vogliono ora vederci chiaro per capire se, fra gli abituali clienti (sembrerebbe privati cittadini, specie di etnia cinese) vi fossero ristoratori o grossisti. Gli animali sequestrati, intanto, costituenti il corpo del reato, sono stati affidati “in proroga vitae” alla custodia delle associazioni di volontariato per la protezione degli animali.

mercoledì, novembre 11, 2015

San Martino e l'oca

Narra la leggenda che Martino designato vescovo, fosse riluttante ad accettare l'incarico. Non si sentiva all'altezza del compito che lo aspettava, così si nascose in un ricovero dove erano custodite alcune oche.
Lo starnazzare delle pennute rivelò il nascondiglio di Martino che venne così scoperto.
Secondo la leggenda Martino fu molto contrariato, e stabilì che l'11 novembre di ogni anno le oche dovessero essere macellate. Questo è il motivo per cui spesso nell'iconografia dei paesi del nord europa S.Martino, vescovo di Tours viene rappresentato con un'oca.


 In Italia invece è molto più conosciuta e rappresentata la leggenda del mantello diviso con il povero


martedì, novembre 10, 2015

Gioco dell'oca

C'è forse qualcuno che non conosce il celebre Gioco dell'Oca? Non credo!
Se siete dei veri appassionati non mamancate di andare a Mirano (VE) il prossimo fine settimana.
Una due giorni dedicacata al simpatico pennuto attende grandi e Piccini.
Ma non solo Gioco dell'Oca, nel fine settimana di S. Martino Mirano cambia volto: il centro storico si trasforma in una piazza della Belle Époque, dove si svolge la replica di una fiera paesana di inizio Novecento.
L'ambientazione è curata nei dettagli: gli stendardi con lo stemma sabaudo, i banchi in legno del mercato, le bacheche con gli avvisi comunali, i manifesti con le prime réclame.
Persino i cartelli stradali vengono coperti con la riproduzione fedele delle insegne d’epoca.
Nulla sarà lasciato al caso: ci sarà lo strillone con il giornale, l’imbonitore con i suoi intrugli, le servette nel giorno di riposo, l’artigiano che impaglia le sedie, i baracconi con il fucile a elastici, i barattoli da abbattere a pallate e altri giochi di una volta.
Ovviamente il protagonista è il pennuto più famoso di queste zone, in linea con il detto popolare “Chi no magna l’oca a San Martin no fa el beco de un quatrin”, ovvero chi non mangia l’oca a San Martino non fa il becco di un quattrino.“
notizia tratta da   veneziatoday.it


1300 oche. Ma le avranno davvero contate?

Questa è troppo bella per non raccontarvela.
Il filmato che ho trovato sembra essere della televisione ucraina la cosa mi lascia perplessa visto che dicono che l'autostrada fosse in Cina.

Un’autostrada in Cina è rimasta bloccata da uno stormo di oche. Il proprietario, un allevatore locale, per risparmiare sul trasporto dei pennuti verso il mercato agricolo locale, ha lasciato che 1,300 oche invadessero un tratto dell'autostrada. Il traffico è rimasto bloccato e c’è voluto l’intervento della polizia stradale che ha sgombrato (almeno in parte) la carreggiata sotto gli occhi increduli degli automobilisti di passaggio. 


domenica, novembre 08, 2015

Autunno tempo di Oche

Fateci caso, le notizie sulle oche aumentano in autunno, il clou è nella prima decade di novembre.
Quindi ecco a voi una tra te le tante notizie di cronaca:
Elisa, 15enne di Zianigo e la sua oca vincono il 28° Palio dell'Oca di Luneo

Palio dell'oca, vincono la 15enne Elisa e la sua splendida pennuta

Si è tenuta domenica mattina la 28° edizione dell'evento, con partenza alle 10.19. È stata una mattinata goliardica, senza le paventate proteste animaliste

Elisa, 15enne di Zianigo e la sua oca vincono il 28° Palio dell'Oca di Luneo
Sono state Elisa, ragazzina 15enne di Zianigo di Mirano, e la sua splendida "pennuta" ad imporsi nella 28esima edizione del Palio dell'Oca di Luneo, che si è tenuto domenica mattina, come da tradizione la settimana che precede la Fiera e il Zogo de l'Oca. La gara ha preso il via, da programma, alle 10.19 in via Luneo, davanti al ristorante "19 al Paradiso", dopo che i concorrenti si erano radunati alle 9 in compagnia dei loro fidi animali, per procedere con le iscrizioni e i controlli di rito sul percorso. Si era preannunciata come una domenica di alta tensione dopo le minacce degli animalisti dei giorni scorsi, pronti a fermare una competizione che sa di tradizione, e per la quale anno dopo anno cresce il numero di famiglie che alleva oche solo ed esclusivamente per gareggiare a novembre. Ma alla fine, di proteste, non ce n'è stata neppure l'ombra, con la goliardia che ha fatto da contorno ad un evento tanto "sentito" in paese. Sono stati in primis gli organizzatori a dar vita alla provocazione, con la nascita dell'associazione "Salvasalame", creata con l'intento di promuovere e salvaguardare la cultura rurale, dopo gli allarmi lanciati dall'Oms nelle scorse settimane.

la notizia e la foto  arrivano da veneziatoday.it

questa invece è la foto di un precedente corsa

mercoledì, maggio 27, 2015

Mamma papera e otto paperotti si dirigono verso il tevere

Una volta scene del genere si potevano vedere solo nel nord Europa.
Qui siamo a Roma.
Mi piacciono le papere e ovviamente la pubblico, ma sfido chiunque, anche disinteressato alle papere a non sorridire di fronte a questo filmato
Mamma anatra è decisa e frettolosa, nessun anatroccolo vuole rimanere indietro. Tutti ubbidienti, in fila indiana di corsa dietro la mamma!

martedì, febbraio 24, 2015

Oche in garage?!?


Dal Mattino di Napoli del 20 febbraio mi arriva l'ennesima prova che le nostre amiche pennute sono ottimi animali da guardia.
Quello che mi sfugge è il perché vivano in n garage. Spero che sia solo il loro ricovero notturno.


di Domenico Maglione
A+ A- Stampa
CASORIA. Erano convinti che nel mettere a segno il furto tutto sarebbe filato liscio come l'olio. Ma i ladri che ieri notte si sono intrufolati in un garage di un palazzo al civico 43 di via Vittorio Emanuele non potevano sapere che avrebbero trovato una inaspettata quanto sgradita sorpresa, peggio ancora di porte di sicurezza e antifurti.

Ad attendere i malviventi c'erano, infatti, diverse oche e galline che il proprietario del box è solito allevare da qualche tempo. E le più agguerrite avversarie dei delinquenti sono state soprattutto le oche che hanno incominciato a starnazzare a più non posso svegliando i residenti e mettendo di fatto in fuga i ladri i quali, per evitare di essere scoperti, ovviamente hanno dovuto abbandonare i loro propositi.

Probabilmente si tratta degli stessi malviventi, non è escluso – da alcune testimonianze - che possano essere di etnia rom, che la sera precedente in un fabbricato di via Carlo Verre, a qualche decina di metri da quello preso di mira ieri notte, si sono intrufolati in una cantina portando via quattro damigiane di vino.

«Siamo in balia della delinquenza più svariata – affermano alcuni abitanti della zona – da tempo chiediamo inutilmente maggiori controlli a garanzia e a salvaguardia dell'incolumità di centinaia di famiglie. Forse per sentirci sicuri dobbiamo avere tutti un'oca in casa?».


I residenti chiedono anche di controllare i movimenti, spesso ritenuti sospetti, in città e soprattutto nella zona della stazione ferroviaria di zingari che provengono dall'accampamento del Cantariello e altri stranieri senza apparente fissa dimora.

«Non vogliamo colpevolizzare alcuno né passare per razzisti ma una cosa è certa: questa gente che gira per la città senza una meta precisa e si intrufola nei palazzi e nei negozi per chiedere l'elemosina sicuramente non ci tranquillizza per quanto riguarda la sicurezza di ciascuno di noi», dice Anna, casalinga di via Verre.


lunedì, febbraio 23, 2015

La Nerina è sana e salva

Tutto è bene quel che finisce bene
La Nerina si era nascosta in un giardino





Qualcuno ha letto il disperato appello di Mariarosa e ha segnalato la presenza dell’anatra in un giardino poco distante.
Mariarosa si è precipitata nella zona indicata, ma la ricerca non è stata facile. Soltanto dopo un appostamento, ha ritrovato la sua Nerina. «Era agitata, è comprensibile. Però mi ha riconosciuta. Con calma l’ho riportata a casa. Temevo davvero il peggio». Ovvero, che le fosse capitato un incidente o che qualcuno l’avesse presa per cucinarla. Ora Nerina è in giardino accanto alle sue compagne. «Non tutti capiscono che anche un animale da cortile può essere considerato come un cane o un gatto», sospira la donna. Per ringraziare della collaborazione «e soprattutto per non averle fatto del male», la donna ha affisso dei nuovi cartelli in cui dà fine alle ricerche e annuncia la lieta novella.  (dal Corriere on line, testo di Olivia Manola)
ecco il cartello di ringraziamento
Il cartello di ringraziamento

domenica, febbraio 22, 2015

Mariarosa, Nerina e le altre

A Buccinasco, un paese negli immediati dintorni di Milano, vive una energica maestra in pensione dalla chioma fulva: Mariarosa.
Mariarosa è finita sui giornali a causa di Nerina, o meglio a causa della sua scomparsa.
Chi è Nerina? eccola in un ritratto di servizio affisso da Mariarosa in varie copie  per tutto il paese

Il fattaccio è successo nei giorni scorsi, ecco l'articolo del Corriere:


Il cortile di Mariarosa a Buccinasco (foto O. Manola)

 Il cortile di Mariarosa a Buccinasco (foto O. Manola)


shadow
«La prima è stata Bella, un’oca bianchissima che ho amato con tutta me stessa. Era il 1997, l’anno in cui è iniziata la mia avventura con questi splendidi animali. Non mi sono più fermata». Mariarosa, i capelli rossi che sbucano sotto al colbacco e lo sguardo verde puntato dritto sull’interlocutore, accarezza Nino, uno degli ultimi arrivati in quello che lei chiama il suo «piccolo giardino incantato». Nella sua casa di Buccinasco, questa ex maestra di scuola elementare con la passione per la pittura, ha realizzato un rifugio per pennuti e animali in genere. Se Bella è stata la prima, l’elenco è diventato lungo in breve tempo. Dopo la capostipite regalatale dalla Lega per l’abolizione della caccia, sono arrivati Pippo e Poldo, ribattezzato così per via della stazza, la «mamma» anatra Biribiri e Nerone. Poi ancora, la gallina Rossina, l’amato Angelino, l’oca che per una malformazione ha sempre le ali spiegate come quelle di un angelo e l’anatra Nino, salvato dai maltrattamenti di un gruppo di teppisti della zona. Per ogni animale, Mariarosa ha una storia da raccontare. Ed ogni racconto è toccante, pieno di vita. «Ho insegnato per una vita, adesso mi godo i miei amici animali», racconta questa ex ragazza «tra i 60 e i 70 anni», come precisa con civetteria.

Mariarosa
Mariarosa
Nel suo giardino, vive con una ventina di oche, anatre, galline. Senza contare due cani, i pesci che vivono nel laghetto e le decine di specie di volatili selvatici che trovano ospitalità tra gli alberi di questa singolare riserva. È inutile dire che li riconosce tutti, uno per uno, e che ognuno ha un nome. «E ovviamente, un proprio carattere», sottolinea la donna. Ora, però, il piccolo mondo è in subbuglio per la scomparsa di Nerina, una delle anatre più giovani, che da due giorni è sparita. Mariarosa non si dà pace. Ha bussato a tutte le porte di casa dei vicini, ha perlustrato parchi e aree verdi, ma Nerina non si trova. «Sono davvero preoccupata - sospira -. Per questo ho affisso nel quartiere dei cartelli con il disegno della mia Nerina e una sommaria descrizione. Rivolgo un appello a chiunque la veda. Telefonatemi e verrò immediatamente a riprenderla. Nerina è come un membro della famiglia e deve tornare».


Esattamente come un gatto che ha perso la strada di casa o un cane che si è allontanato. Per Mariarosa non c’è alcuna differenza. Senza ironia. Anzi, l’idea che qualcuno possa averla catturata per imbandire la tavola la fa impallidire. «È uno dei motivi per cui va trovata in fretta. Nerina è ancora leggera perché è giovane, quindi sicuramente si è involata e non è più riuscita a rientrare. Chiunque ami le bestiole può capire il dispiacere che sto provando», conclude. Una passione, quella per gli animali, senza limiti che ha fatto storcere il naso a più di una persona.
Le lamentele dei vicini per i versi delle oche o per il timore della presenza di altri animali non graditi, le ha fatto guadagnare qualche visita dei vigili urbani. «Se contestano lo starnazzare forse dimenticano il ruolo delle oche del Campidoglio. Meglio dei cani da guardia», ironizza. E, in ogni caso, Mariarosa non rinuncia al suo piccolo paradiso. Persino gli alberi da frutto, come quelli che in questi giorni sono carichi di kiwi, crescono a disposizione dei piccoli ospiti. A terra, tanti piccoli frutti marroni beccati e svuotati dagli uccelli. «I merli, i passeri e gli storni ne sono ghiottissimi. E i mandarini, invece, sono il cibo preferito delle mie oche. Credo che non ci sia nulle di più bello che nutrirli e farli crescere con amore e dedizione».
Anatre e oche sono anche i soggetti preferiti delle sue tele. Angelino, soprattutto, il cui ritratto ad olio campeggia in cortile. Mariarosa lo guarda e confessa il suo sogno: «Vorrei che quando non ci sarò più il giardino e i suoi piccoli ospiti continuassero a vivere. Non chiedo null’altro».




sabato, febbraio 21, 2015

Una paperina gialla in cucina

Curiosando qua e là mi sono imbattuta in due staordinari occhi chiari e ridenti
Non so se sia più brava come pasticcera o come fotografa, sicuramente i suoi dolci incantano e le sue foto fanno rimpiangere che non si possa allungare la mano per dare un morso a quelle delizie.

Perché ne parlo qui?
Perché è Gialla, gialla come una paperina, perché le paperine attraversano il suo blog, perché una papera gialla col cappello da cuoca è il suo logo, perché ha una paletta con una papera gialla (che le invidio)  perché sprizza entusiasmo e voglia di vivere

http://www.giallatraifornelli.com


Andate a farle visita, vi verrà l'acquolina in bocca



La paperina cola-the ce l'ho anche io!



Related Posts with Thumbnails